Subscribe Now
Trending News
Mamma

Depressione post-partum: che cos’è, come riconoscerla e superarla 

Da quando sei rimasta incinta, senti sempre più parlare di depressione post-natale e non sai molto di questa condizione. Leggi l’articolo qui sotto e scopri tutto ciò che devi sapere sulla depressione post-partum, come viene chiamata,cause, sintomi, effetti su di te e sul tuo bambino e soprattutto le soluzioni, se scopri di soffrire di depressione post-natale. Ti incoraggiamo a rimanere positiva e ad essere paziente.


Depressione post-parto

Come ci esortano gli psicoterapeuti, pensa che ogni problema ha una soluzione e tratta ogni nuova reazione specifica alla depressione post-natale come una difficoltà momentanea che passerà in pochi minuti.


CHE COS’È LA DEPRESSIONE POSTNATALE

Non sei troppo sensibile e non sei da biasimare per quello che ti sta succedendo. Non ascoltare le bocche cattive, la depressione è una condizione medica e come tale viene trattata. La depressione post-natale è una forma di depressione e richiede un trattamento specializzato.

La depressione di solito insorge nei primi 6 mesi dopo la gravidanza, ma ci sono anche casi in cui si manifesta sin dai primi giorni. Se ti viene diagnosticata una depressione post-partum, non aver paura! Scopri che il 10-20% delle donne o più semplicemente 1 donna su 10 sviluppa una tale complicazione dopo il parto.


QUANDO PARLIAMO DI DEPRESSIONE POST-NATALE

CHE COS’È LA DEPRESSIONE POSTNATALE

Nei primi 3-4 giorni dopo la nascita è naturale avere improvvisi sbalzi d’umore. Forse ti senti triste, non riesci a concentrarti, hai poco appetito e non riesci a riposare affatto. Non aver paura, passerà. Hai quella che viene chiamata “tristezza post-partum” o “baby blues”.

La tristezza post-partum è una fase normale e scomparirà in 10 giorni. Puoi migliorare le tue condizioni attraverso una dieta sana, il riposo e il supporto morale dei tuoi cari.

Tuttavia, se i sintomi persistono e peggiorano, si sospetta di avere una depressione post-natale ed è consigliabile consultare un medico. L’aspetto della malattia differisce da donna a donna – in alcuni appare dai primi giorni, poiché in altri casi può apparire poche settimane o mesi dopo la nascita.


I SINTOMI DELLA DEPRESSIONE POST-PARTO

Se hai uno dei seguenti sintomi, consulta uno psicoterapeuta:

  • cattive condizioni generali e tristezza;
  • irrequietezza, ansia, irritabilità;
  • mancanza di interesse o piacere di vivere;
  • mancanza di energia e motivazione;
  • sentirsi in colpa e inutile;
  • difficoltà di memoria e concentrazione;
  • calo della libido;
  • sensazione di incapacità di amare il bambino e il partner;
  • tendenza all’isolamento;
  • difficoltà a riposare, disturbi del sonno o viceversa, programma di sonno prolungato;
  • aumento o perdita di peso;
  • pianto improvviso;
  • mal di testa;
  • dolore al petto;
  • battiti cardiaci più veloci;
  • vertigini, instabilità e tremore.

PERCHÉ SI VERIFICA LA DEPRESSIONE POSTNATALE?

La depressione post-natale è il risultato di cambiamenti ormonali e improvvisi che si verificano dopo la nascita. La quantità di ormoni femminili, come estrogeni e progesterone, diminuisce notevolmente e produce depressione. Inoltre, i livelli di ormone tiroideo possono diminuire, il che porta di nuovo alla depressione.

I SINTOMI DELLA DEPRESSIONE POST-PARTO

L’allattamento al seno può anche portare a depressione e ansia poiché alti livelli di prolattina e attivazione dell’ipofisi riducono la percentuale di dopamina in alcune regioni del cervello.

Più sei sensibile alle fluttuazioni ormonali, maggiore è il rischio di sviluppare depressione postnatale nelle prime 48 ore dopo la nascita.


La depressione post-natale è più probabile che si verifichi in presenza di fattori scatenanti quali: depressione post-natale in gravidanza precedente;

  • l’esistenza di episodi depressivi in ​​passato;
  • storia famigliare;
  • eventi stressanti durante la gravidanza o dopo il parto: perdita di una persona cara, lavoro, incidenti, malattie;
  • la presenza di uno sfondo emotivo ansioso, accentuato durante la gravidanza: paura di nuocere alla salute del bambino;
  • lo stress di prendersi cura di un neonato;
  • perdita di gravidanza;
  • l’esistenza di un bambino con problemi, nato prematuro o un bambino non voluto;
  • relazione o matrimonio difficile o stressante;
  • mancanza di sostegno sociale da parte di familiari e amici;
  • difficoltà finanziarie;
  • consumo di alcol e droghe;
  • sindrome premestruale acuta.

QUALE TRATTAMENTO AIUTA PER LA DEPRESSIONE POSTNATALE?

La depressione post-partum viene trattata come qualsiasi altra forma di depressione. È meglio contattare uno psicoterapeuta e uno psichiatra per istruzioni precise. È vero che ci sono soluzioni che puoi applicare non appena ne vieni a conoscenza, ma questo non esclude la terapia e i farmaci. Solo uno specialista può determinare esattamente se assumere o meno i farmaci.


Prima cerchi aiuto, minore è il rischio che la depressione post-natale abbia un effetto dannoso su di te e sul tuo bambino. Un trattamento tempestivo porta a un recupero più rapido e riduce le possibilità che la depressione si ripresenti. Il metodo più efficace per trattare la depressione post-partum è la psicoterapia.


Uno specialista in problemi cognitivo-comportamentali ti insegnerà come studiare le tue reazioni e scoprire da solo cosa funziona per te e ti mostrerà esercizi di respirazione e tecniche di rilassamento che puoi applicare a casa. Nelle prime fasi sono sufficienti poche sedute di terapia ed esercizio fisico costante, mentre nella fase più avanzata è necessario somministrare un antidepressivo che non arriva al latte.

QUALE TRATTAMENTO AIUTA PER LA DEPRESSIONE POSTNATALE?

Nel frattempo, ecco alcuni suggerimenti, considerati utili da altre donne che hanno lottato con la depressione postnatale, per aiutarti a migliorare la tua condizione generale: Parlare aiuta a capire. Condividi i sentimenti con i tuoi cari e discuti su cosa ti succede ogni volta che ti senti fraintesa.


  • Chiedi il sostegno di familiari e amici nelle pulizie e nella cura dei bambini. Hai bisogno di pause per riposare. Non stancarti o arrabbiarti quando non puoi fare altro.Fai quello che puoi, non hai niente da dimostrare a nessuno. La nascita porta con sé molte responsabilità e faresti bene a cercare l’aiuto di chi ti circonda per affrontare tutte le sfide.
  • Trascorri il tuo tempo libero con attività rilassanti come leggere, camminare, meditare o un semplice bagno.

  • Scrivi un diario. Scrivi tutto ciò che ti riguarda ogni giorno e ti sentirai liberata e calma. Approfitta di questa situazione e rileggi quello che hai scritto. In questo modo, monitorerai più facilmente l’evoluzione della tua condizione e saprai esattamente quale sarà la prossima sessione di terapia o discussione con una persona cara.
  • Riposa spesso. Puoi riposare mentre il tuo bambino dorme.

  • Evita di stare da sola il più possibile. Circondati di persone. E,una cosa molto importante, mantieni l’intimità che hai avuto con il tuo coniuge/fidanzato. I tuoi stati depressivi possono anche essere trasferiti a lui.
  • Condividi esperienze con altre mamme che conosci. Se non ti senti a tuo agio, entra nei forum di discussione su questo argomento dove puoi incontrare donne che stanno attraversando la stessa cosa.

QUALI EFFETTI HA LA DEPRESSIONE POSTNATALE SUL BAMBINO?

Una donna che soffre di depressione post-natale risente del ruolo di genitore principalmente perché i neonati sono molto sensibili e risentono degli sbalzi d’umore della madre. Quando soffre o ha paura, trasmetterà al bambino questi sentimenti, che a sua volta somatizzerà in vari modi.

Depressione post-partum

Un bambino privato della condizione materna si sentirà rifiutato e non voluto e questo creerà in futuro problemi relazionali, emotivi, di linguaggio e in alcuni casi ansia e depressione.

La relazione bambino-madre è essenziale per un sano sviluppo mentale, emotivo e comportamentale del bambino. L’attenzione e la calma della madre vengono trasmesse al bambino e lo aiuteranno a maturare nella gestione delle proprie emozioni.


Come dicevo prima, per evitare il più possibile le conseguenze della depressione postnatale, ma anche per un più facile recupero, è necessario chiedere aiuto per tempo. Sarebbe ancora meglio prevenire le reazioni depressive. Si deve usare cautela fin dall’inizio della gravidanza. Scopri in anticipo quali responsabilità comporta il ruolo di una madre e rimarrai sorpresa da quanto non sapevi.


Per evitare la depressione post-natale è necessario avere uno stile di vita sano durante la gravidanza e dopo la gravidanza: rispetta le ore di sonno, mangia bene, fai esercizio, mantieni un atteggiamento positivo, idratati e pratica esercizi di rilassamento.


Inoltre, il ruolo più importante nella prevenzione della depressione postnatale è svolto dalle persone vicine e dallo specialista. Il riconoscimento precoce dei sintomi di questa condizione è indispensabile da parte del personale medico dei reparti di ostetricia-ginecologia o del medico di famiglia al fine di prevenire la comparsa della malattia e il coinvolgimento del neonato.

Alcuni stati degli Stati Uniti, come il New Jersey, hanno già implementato programmi nazionali di screening prenatale per rilevare, monitorare e trattare i fattori di rischio per la depressione post-partum.

Related posts

Leave a Reply