Subscribe Now
Trending News
Dieta

Obesità infantile: quando un bambino è considerato obeso? 

L’obesità infantile è una delle peggiori sfide per la salute pubblica del 21° secolo. Questo problema è diffuso in tutto il pianeta e colpisce costantemente molti paesi a basso e medio reddito, soprattutto nelle aree urbane.

La prevalenza dell’obesità nei bambini è aumentata a un ritmo allarmante, a livello globale, nel 2016, il numero di bambini in sovrappeso di età inferiore ai 5 anni è stimato in oltre 41 milioni. Va sottolineata la crescente importanza dell’obesità infantile, poiché i bambini in sovrappeso e obesi rischiano di rimanere in sovrappeso anche da adulti e sono soggetti a malattie cardiovascolari e diabete fin dalla tenera età.


Obesità infantile: quando un bambino è considerato obeso?

Il sovrappeso e le malattie associate sono ampiamente prevenibili. Pertanto, la prevenzione dell’obesità nei bambini ha bisogno di un’alta priorità.

Obesità infantile cause

Cos’è l’obesità infantile?

L’obesità infantile è una grave condizione medica che colpisce bambini e adolescenti ed è caratterizzata dal superamento del peso normale per età e altezza.

Nello specifico, il sovrappeso è definito come un BMI compreso tra l’85° percentile e il 95° percentile per bambini e adolescenti della stessa età e sesso, mentre l’obesità è definita come un BMI che supera il 95° percentile per bambini e adolescenti della stessa età e sesso.


BMI o indice di massa corporea è una misura utilizzata per determinare se un bambino è in sovrappeso o obeso. Il BMI viene calcolato dividendo il peso di una persona in chilogrammi per il quadrato dell’altezza in metri. Nel caso dei bambini, i valori ottenuti sono interpretati secondo determinati percentili, perché i livelli di BMI devono essere espressi in relazione ad altri bambini della stessa età e sesso.


È importante sapere che il BMI non misura direttamente i livelli di grasso corporeo, ma può essere correlato con altre analisi più dirette del grasso corporeo per adottare un piano di trattamento più accurato.

Pertanto, i medici possono anche utilizzare lo spessore della piega cutanea, l’impedenza bioelettrica o la pesatura subacquea. Tutti questi sono elementi molto importanti, perché l’obesità nei bambini è una seria minaccia per la loro salute fisica. Inoltre, i bambini e gli adolescenti in sovrappeso o obesi possono diventare depressi e sperimentare una grave autostima compromessa.


Cause e fattori di rischio

Gli esperti ritengono che la causa principale dell’obesità infantile sia una combinazione di eccesso di cibo e mancanza di esercizio fisico. Tuttavia, un ruolo importante può essere svolto da altri fattori, come genetici e ormonali. Ad esempio, una recente ricerca ha scoperto che i cambiamenti negli ormoni digestivi possono influenzare i segnali volti a informare il corpo sulla sazietà.

Come prevenire l'obesità nei bambini

Pertanto, molti fattori che lavorano in sinergia aumentano il rischio di un bambino di ingrassare in eccesso, e i più importanti di questi sono:

  • Un’alimentazione scorretta – Il consumo regolare di cibi ipercalorici, come fast food o pasticcini, può causare un serio aumento di peso del bambino. Caramelle, succhi e dolci possono anche portare ad un eccesso di peso nel caso dei più piccoli;
  • Sedentarietà: i bambini che non fanno esercizio fisico hanno molte più probabilità di aumentare di peso perché non bruciano un numero adeguato di calorie. Quindi, troppo tempo trascorso in attività sedentarie, come guardare la TV o stare seduti al computer, contribuisce a questo importante problema;

  • Fattori familiari: se un bambino proviene da una famiglia di persone in sovrappeso, le sue possibilità di aumentare di peso aumentano. Ciò è particolarmente vero in un ambiente in cui sono sempre disponibili cibi ipercalorici e l’attività fisica non è incoraggiata. Inoltre, alcuni bambini diventano obesi perché i loro genitori non sanno scegliere o preparare cibi sani;

  • Fattori psicologici: lo stress personale, genitoriale e familiare può aumentare il rischio di obesità di un bambino. Ad esempio, alcuni bambini mangiano troppo per far fronte ai problemi o per superare determinate emozioni, come lo stress. Inoltre, i bambini possono avere una dieta inadeguata ed eccessiva per il desiderio di combattere la noia;

  • Fattori socio-economici: le persone in alcune comunità hanno risorse limitate, ma anche un accesso limitato a supermercati e negozi. Di conseguenza, queste persone acquistano alimenti che non si deteriorano rapidamente, come congelati, in scatola o confezionati.Si possono preferire cibi economici, anche se non di alta qualità, poiché alcune famiglie non possono permettersi facilmente frutta fresca, verdura e carne. Una dieta povera che contiene alti livelli di grassi o zuccheri e pochi nutrienti può far ingrassare rapidamente i bambini. Inoltre, le persone che vivono in aree con uno status socio-economico povero possono segnalare la mancanza di tempo o denaro per esercitare o addirittura la mancanza di un luogo sicuro in cui praticare.

I problemi connessi al sovrappeso

I bambini obesi hanno un rischio maggiore di sviluppare problemi di salute rispetto ai bambini di peso normale e della stessa età e altezza. Molte delle malattie precedentemente considerate negli adulti si verificano anche nei bambini con obesità e gli esempi più conclusivi sono il diabete e le malattie cardiache. Tuttavia, l’obesità infantile non ha solo complicazioni fisiche, ma può anche influenzare il benessere emotivo e sociale dei bambini affetti.

I problemi connessi al sovrappeso

In termini di complicazioni fisiche, il diabete di tipo 2 è il più comune. Questa condizione è cronica e influenza il modo in cui il corpo utilizza lo zucchero. Pertanto, il glucosio non viene più metabolizzato correttamente, aumentando il rischio di complicazioni agli occhi, ai reni o ai nervi. Tuttavia, i cambiamenti nella dieta e nello stile di vita possono invertire gli effetti del diabete. Oltre al diabete, l’obesità può far soffrire un bambino di malattie cardiovascolari.


Gli alimenti ricchi di grassi e sale possono causare alti livelli di colesterolo e ipertensione, condizioni spesso associate a infarto e ictus.

L’asma è un’altra complicazione che può colpire i bambini obesi. L’asma può essere brevemente definita come un’infiammazione cronica delle vie aeree e un flusso limitato di aria dai polmoni. I bambini e gli adolescenti obesi possono anche soffrire di russamento eccessivo o apnea ostruttiva del sonno, responsabili della scarsa qualità del sonno.


Le complicanze fisiche dell’obesità sono molto più numerose e altri esempi che si possono citare sono la steatosi epatica non alcolica, le fratture ossee ei dolori articolari.

Tuttavia, devono essere discusse anche le complicazioni sociali ed emotive, poiché possono colpire gravemente i bambini obesi. L’obesità può portare a una bassa autostima e persino alla depressione. Spesso i bambini in sovrappeso o obesi vengono presi in giro o molestati da altri bambini che li circondano e il rischio di bassa autostima e depressione sarà molto più alto.


Inoltre, l’obesità è accompagnata da un livello più elevato di ansia e abilità sociali più deboli. Queste situazioni potrebbero indurre i bambini obesi o in sovrappeso a sviluppare problemi comportamentali o a ritirarsi socialmente.

Related posts

Leave a Reply