Subscribe Now
Trending News
Libri

Recensione libro Alma di Jean Marie Gustave Le Clezio 

Uno dei problemi che i lettori devono affrontare è lo spazio assegnato all’archiviazione dei libri che, nella maggior parte dei casi, è insufficiente. Dubito che ci sia un appassionato di lettura che non abbia questo dilemma. A causa del grande volume di libri che acquistiamo e dell’impossibilità di rinunciarvi dopo averli letti, gli scaffali delle biblioteche personali si riempiono più velocemente di quanto vorremmo e, prima che ce ne accorgiamo, ogni angolo della casa è pieno di libri.


Recensioni Alma libro di Jean Marie Gustave Le Clezio


Ad esempio, ho libri ovunque: in biblioteca in soggiorno, dove li ho messi in due file, nelle due biblioteche in camera da letto, sulla scrivania dei miei genitori, in cantina, sotto il letto e, più recentemente, in cucina. Tuttavia, non ho intenzione di smettere di acquistare libri troppo presto, anche se non riesco a leggerli tutti.


Oggi vorrei parlarvi di un romanzo che dal mio punto di vista merita di essere letto : Alma de Le Clézio, un nuovo inno all’amore di Mauritius.

Nel suo nuovo romanzo, uscito il 5 ottobre, il Premio Nobel per la letteratura ci trasporta nella terra dei suoi antenati. In Le Plein de Culture, nuovo appuntamento culturale a Figaro, Françoise Dargent ripercorre l’eterna ricerca dell’autore di Le Chercheur d’or.


Il romanzo Alma descrive una ricerca di un tempo perduto, che era essa stessa completamente post-paradisiaca. Questo articolo è il terzo dello speciale estivo di quest’anno con recensioni di opere di artisti con rilevanza evolutiva.

Recensione del libro Alma

Cinquecento anni fa, l’isola di Mauritius doveva essere un paradiso. Non c’erano persone o altri predatori. L’isola era divisa tra tartarughe giganti e dodo, uccelli incapaci di volare alti circa un metro. Poi sono arrivati gli europei. L’elenco delle cose che sono state distrutte da loro e dagli animali che hanno introdotto è lungo; include le tartarughe giganti e gli uccelli giganti. Questi ultimi sono stati trovati solo lì. Si pensa che si siano estinti intorno alla fine del XVII secolo.


Oggi, il dodo è l’animale nazionale di Mauritius e un simbolo di un paradiso perduto. Non sorprende quindi che abbia un ruolo importante nell’ultimo romanzo di Jean-Marie Gustave Le Clézio: il protagonista, Jérémie Felsen, uno scienziato francese, si reca a Mauritius per cercare, apparentemente, le tracce del dodo.


In realtà, sta cercando la storia della sua famiglia. Il romanzo prende il nome dalla tenuta in cui la sua famiglia ha vissuto per generazioni: Alma. Anche questa patria è stata vittima della distruzione.

E c’è un altro dodo nel libro: è il soprannome di Dominique Felsen, l’altro narratore in prima persona, che viene dal “ramo ribelle” della famiglia. Dodo, che è cresciuto ad Alma ed è indissolubilmente legato a Mauritius, racconta la sua storia personale, segnata dalla malattia, dalla povertà e dall’esclusione. Anche lui parte per un viaggio, ma nella direzione opposta: in Francia. Entrambe le storie corrono parallele l’una all’altra, con la storia di famiglia che fornisce punti di contatto.


È ovvio che la storia personale di Le Clézio ha giocato un ruolo importante nella creazione del romanzo. L’ autore, vincitore del Premio Nobel per la letteratura nel 2008, ha le sue radici familiari a Mauritius. Ha vissuto lì per un periodo da bambino ed è cittadino sia della Francia che della nazione insulare.


Visita regolarmente Mauritius e molti dei suoi romanzi e racconti si svolgono lì. Viaggio e partenza, natura e sua distruzione, confronto tra diversi modi di vivere, colonialismo e sue conseguenze: molti dei temi che Le Clézio esplora in altri suoi libri ricorrono anche in quest’opera tarda.


Ad Alma, Mauritius è, da un lato, un luogo di desiderio e l’antitesi della vita in Europa. D’altra parte, il paradiso è stato distrutto, di cui la famiglia Felsen è in parte responsabile, almeno indirettamente. Il razzismo e la disuguaglianza, conseguenze del dominio coloniale e della schiavitù, persistono nella società odierna.

Recensioni Alma di Jean Marie Gustave Le Clezio

Quando i discendenti dei proprietari delle piantagioni bianche fanno una festa, il casino viene ripulito dai discendenti degli schiavi africani che furono costretti a faticare nelle piantagioni. I loro figli possono guardare solo dall’altra parte del recinto.


Un pilota olandese sfrutta una prostituta minorenne che lo stesso Jérémie Felsen tiene d’occhio. Il comportamento riprovevole in questo romanzo non si limita mai al comportamento degli altri: il protagonista fa parte del problema e lo sa.


È anche chiaro nell’opera di Le Clézio che la società non è solo bianca e nera, ma multicolore. Un esempio è il personaggio di Aditi, il discendente dei lavoratori delle piantagioni indiane che arrivò a Mauritius dopo l’abolizione della schiavitù.


Sicuramente sono venuti per disperazione, ma non per forza, il che è comunque un progresso. Oggigiorno i mauriziani di origine indiana costituiscono circa i due terzi della popolazione e dominano la politica e l’economia della nazione insulare.

Dopo essere stata violentata, Aditi si prende la vita nelle proprie mani. Sfida le convenzioni sociali e vive nella foresta, dove dà alla luce anche suo figlio da sola. Questo legame con la natura, che si oppone allo stile di vita urbano e tecnologico dell’Europa, è un altro tema forte nel lavoro di Le Clézio. Ma nella moderna Mauritius, i centri commerciali, le strade e gli hotel stanno spuntando ovunque.


Il mondo che Jérémie Felsen sta cercando ,sta per scomparire. Alla fine della storia è chiaro che quel poco di paradiso che rimane andrà inevitabilmente perso. Dodo finisce in un manicomio per poveri e malati di mente a Parigi, e Jérémie torna alla sua vecchia vita dopo il suo “pellegrinaggio”. Ha finito con l’isola. E così si conclude la storia della famiglia Felsen a Mauritius.

Related posts

Leave a Reply