Subscribe Now
Trending News
Libri

Recensione libro Breve storia della vita privata di Bill Bryson 

Bill Bryson ha la fortuna di vivere in una canonica inglese costruita nel 1851. E i suoi lettori sono fortunati a poter seguire Breve storia della vita privata, la deliziosa storia della vita domestica di Bryson.

Bryson ha colpito il fatto che la storia sia per lo più “masse di persone che fanno cose ordinarie”, quindi in Breve storia della vita privata si sarebbe rivelata una storia di, beh, quasi tutto – o almeno quasi tutto in Gran Bretagna e in America durante gli ultimi 150 anni .


Recensioni libro Breve storia della vita privata di Bill Bryson


Si potrebbe esitare a raccogliere una storia della vita domestica, temendo un arido trattato sui miglioramenti arcani nella cura dei mobili e nella tecnologia di pulizia. Niente paura: per Bryson il domestico è solo un punto di partenza. Bryson costruisce ogni capitolo da una delle stanze della sua canonica.

Recensioni libro Breve storia della vita privata

Nella sala da pranzo si chiede perché il sale e il pepe siano le due spezie su ogni tavola, il che lo spinge a esplorare gli esploratori europei, la tratta degli schiavi, il caffè, il tè, l’argenteria e l’etichetta. Il camerino porta all’origine degli abiti; la fabbricazione dei tessuti, moda, parrucche, cotone; e, non da ultimo, la Rivoluzione Industriale.


Queste stanze più comuni iniziano ad assumere una nuova luce. Bryson, nel suo libro, scrive che “nulla di questa casa, o di qualsiasi altra casa, è inevitabile. Bisognava pensare a tutto – porte, finestre, camini, scale – e una buona parte di questo… ha richiesto molto più tempo e sperimentazioni di quanto avresti mai pensato”. All’improvviso, nulla intorno a te sembra ovvio o naturale, il mondo diventa strano e meraviglioso.


La presunta progressione logica della storia sembra piuttosto tenue. Ci sono voluti circa 14 secoli perché gli inglesi reinventassero i “bagni caldi, divani imbottiti e il riscaldamento centralizzato” che erano stati comuni durante l’epoca romana. E anche dopo che un medico viennese ha scoperto che il lavaggio delle mani riduceva notevolmente i decessi ospedalieri, è stato ignorato per decenni. Viene da chiedersi quali meravigliosi progressi futuri giacciono nascosti e disprezzati oggi.


Proprio come fa sembrare le cose più comuni quasi miracolose, anche Bryson fa sembrare terribilmente fragile il fatto che sappiamo qualcosa sulla storia. Ci viene raccontato ancora e ancora di monumenti perduti, misteri che circondano le rovine e totale ignoranza su parti importanti della vita di persone piuttosto significative.

La cosa meravigliosa di Bryson è che fa combaciare tutte queste cose. Vede come tutto è connesso e sposta il lettore senza sforzo da un argomento all’altro, sempre pronto con un aneddoto divertente e memorabile.


Breve storia della vita privata di Bill Bryson Recensione

Breve storia della vita privata Recensioni

Ad esempio, l’entusiasmo sfrenato (e, per la loro causa, dannoso) dei primi sostenitori della cremazione rende indimenticabile la sua introduzione in Gran Bretagna. Augustus Pitt Rivers, archeologo e sostenitore della cremazione, era un uomo cattivo.

Aveva intenzione di essere cremato alla sua morte e fece lo stesso per la sua moglie, nonostante la sua opposizione (e il fatto che non fosse ancora legale). Rivers amava dirle: “Donna, brucerai”. Fortunatamente per lei, è morto lui per primo e ha ricevuto la sepoltura che desiderava.


Sempre il paroliere, Bryson riempie le pagine di “Breve storia della vita privata” con origini di parole esplicative. Apprendiamo, ad esempio, che il significato originale di comodo era “capace di essere consolato” e che la prima testimonianza scritta conosciuta del suo significato attuale risale al 1770. Lo presenta per sostenere la sua affermazione che “Breve storia della vita privata” è un storia di mettersi a proprio agio lentamente” , e in effetti sembra dimostrare il punto.


Più di ogni altra cosa, questo libro è un compendio di fatti interessanti – come il fatto che le aragoste erano così abbondanti nell’età vittoriana che venivano date in pasto ai prigionieri e che un cambiamento di clima spesso migliorava la salute delle persone perché le loro stanze a casa avevano vernice tossica e carta da parati – che susciterà l’interesse del lettore su vari periodi e li invierà alla bibliografia per saperne di più.


Non può passare inosservato, anche se non sorprende, che un’opera così ampia non sia priva di errori. Bryson attribuisce la realizzazione di una replica di un paio di stivali dell’età della pietra a Vaclav Patek, quando in realtà Patek era un alpinista che li ha testati e il calzolaio era Petr Hlavacek. Un errore così banale è facilmente scusabile, ma è un utile promemoria che non tutto ciò che viene stampato è corretto, nemmeno se è contenuto in questo nuovo libro divertente, coinvolgente e informativo.

Vi auguro una buona lettura! Alla prossima recensione!

Related posts

Leave a Reply