Subscribe Now
Trending News
Libri

Recensioni libro Piccole grandi cose di Jodi Picoult 

In una nota autrice molto seria alla fine del suo ultimo romanzo, “Piccole grandi cose “, Jodi Picoult afferma che desiderava da tempo scrivere sul razzismo americano. Picoult è abbastanza esperta da far conoscere fin dall’inizio la sua posizione di “bianca e privilegiata di classe”.

Descrive in dettaglio la rigorosa ricerca che ha fatto, le persone con cui ha parlato, comprese le donne di colore e gli skinhead. Della prima, ha detto: “Speravo di invitare queste donne in un processo, e in cambio mi hanno fatto un regalo: hanno condiviso le loro esperienze su come ci si sente veramente ad essere nere”.


Recensioni libro Piccole grandi cose di Jodi Picoult


C’è anche molta introspezione sul suo presunto pubblico (i bianchi) e sul suo stesso razzismo. Conclude la nota riconoscendo che parlare di razzismo è difficile ma che “noi che siamo bianchi abbiamo bisogno di fare questa discussione tra di noi. Perché poi, ancora più di noi ascolteranno e – spero – la conversazione si allargherà”.

Recensione libro Piccole grandi cose

Picoult sembra certamente avere le migliori intenzioni. La domanda è se le buone intenzioni si traducono in un buon romanzo. “Piccole grandi cose” è, per molti versi, un classico romanzo di Jodi Picoult: affronta questioni sociali contemporanee, crea personaggi interessanti e riconoscibili e presenta un avvincente dramma giudiziario.

Ruth Jefferson, una donna di colore con un figlio adolescente, è un’infermiera del travaglio e del parto da più di 20 anni quando i suprematisti bianchi Turk e Brittany Bauer vengono nel suo reparto maternità per la consegna del primo figlio di Brittany, un ragazzo di nome Davis. Turk chiede che Ruth non abbia alcuna interazione con il bambino, ma quando il reparto è a corto di personale, Ruth si ritrova da sola con Davis proprio mentre smette di respirare.


In quel momento, Ruth deve decidere se prestare attenzione alla sua umanità e al suo giuramento di infermiera o seguire gli ordini che ha ricevuto di stare lontana dal bambino Bauer. Alla fine, Ruth fa entrambe le cose, ma non può prevenire gravi conseguenze. I genitori, come ci si potrebbe aspettare, hanno bisogno di qualcuno da incolpare. In breve tempo, la licenza di infermiere di Ruth viene sospesa. È accusata di crimini e il suo destino è nelle mani del difensore d’ufficio Kennedy McQuarrie, una donna bianca.

Picoult sa raccontare una storia interessante e il romanzo si muove vivacemente. Questa è una scrittrice che capisce i suoi personaggi dentro e fuori. Conosce altrettanto bene la sua storia. In termini di ricerca, Picoult si è impegnata, a volte anche troppo, come se stesse dicendo: “Guarda tutto ciò che so di tutto ciò che scrivo qui”. Tuttavia, questa preparazione e il desiderio di compiacere non sminuiscono davvero. Preferisco leggere uno scrittore che sa troppo della storia che sta raccontando piuttosto che uno scrittore che non sa abbastanza.


“Piccole grandi cose” brilla particolarmente quando Picoult scrive dal punto di vista di Turk Bauer. Rende quest’uomo con ideologie ripugnanti imperfetto ma umano. È un suprematista bianco, ma è anche marito e padre. Vediamo la sua rabbia e impotenza, e mentre la storia si sviluppa, vediamo come ha imparato a odiare, come ha incontrato e si è innamorato di Brittany, come vendicare suo figlio diventa la sua singolare motivazione. A volte, la storia di Turk sembra una storia del moderno movimento per la supremazia bianca, ma dato l’attuale clima politico è piuttosto preveggente e utile.

Piccole grandi cose recensione

Poi c’è Kennedy, il difensore d’ufficio di Ruth, sposato con un chirurgo che (ovviamente) sembra essere l’uomo perfetto. Hanno una figlia (ovviamente) adorabile e precoce. Kennedy è tormentato, ma (ovviamente) una moglie e madre amorevole e amata. Alla fine del romanzo, diventa una procuratrice per i bianchi ben intenzionati che non si rendono conto della portata del loro razzismo finché non sono costretti ad affrontarlo. L’evoluzione di Kennedy diventa rapidamente troppo artificiosa e conveniente.


C’è anche un momento nelle sue argomentazioni conclusive durante il quale Kennedy dice: “Quando ho iniziato a lavorare su questo caso, signore e signori, non mi consideravo un razzista. Ora mi rendo conto di esserlo”.

Quando si tratta di gareggiare, il romanzo inciampa. Il suo personaggio meno credibile è Ruth. La sua nerezza è clinica, iperarticolata. Certamente apprezzo la ricerca che Picoult ha fatto e le conversazioni che ha avuto, ma la ricerca non si traduce necessariamente in autenticità. Ruth e sua sorella, Adisa, sono cresciute ad Harlem da una madre single che lavora come domestica per una ricca famiglia bianca. Ruth ha la pelle chiara e Adisa più scura.


(Nata Rachel, Adisa si è svegliata a vent’anni e ha cambiato il nome per entrare in contatto con le sue radici africane.) Ora Adisa è la militante mentre Ruth è più aperta all’integrazione. Più vediamo Ruth e la sua famiglia, più la loro caratterizzazione sembra una tombola di neri, come se Picoult stesse lavorando su una lista di problemi nel tentativo di dire tutto sulla razza in un libro.


Colorismo, discriminazione professionale, segregazione, le sfide dell’ambizione nera, le microaggressioni, il sistema di welfare, la negoziazione degli spazi prevalentemente bianchi, i confini dell’autentica oscurità e, naturalmente, la razza e il sistema giudiziario: Bingo!

Ci sono riferimenti all’uccisione di Trayvon Martin e all’arresto per errore del tennista James Blake (sebbene Blake, inspiegabilmente, diventi “Malik Thaddon”). C’è una controfigura per Al Sharpton, un certo Wallace Mercy: “I suoi capelli bianchi e selvaggi si rizzano, come se fosse stato fulminato. Il suo pugno è alzato in segno di solidarietà con qualsiasi apparente ingiustizia che sta attualmente difendendo”. Bingo!

Libro Piccole grandi cose recensioni

Tutto inizia a sembrare eccessivo e disperatamente didattico. Sospetto che ciò derivi dall’acuta consapevolezza di Picoult che sta scrivendo principalmente per un pubblico bianco, che ha bisogno di una comprensione più sfumata dell’esperienza nera. E qui sta la vera sfida di scrivere attraverso la differenza, o di scrivere un romanzo politico: se la politica supera la prosa, allora diventa qualcosa di diverso da un romanzo.


È, alla fine, la nota dell’autore che mi fa sentire generosa nei confronti del libro “Piccole grandi cose” nonostante i suoi difetti. Picoult voleva scrivere sulla razza nell’America contemporanea, e lo fa. Il romanzo è disordinato, ma lo è anche il nostro clima razziale. Do molto credito a Picoult per averci provato e per aver sostenuto il suo tentativo con una ricerca rigorosa, buone intenzioni e la consapevolezza della sua fallibilità.


Il romanzo imperfetto di Picoult sarà molto probabilmente ben accolto dal suo pubblico previsto. Confido che la prossima volta che scriverà di razza – e spero che ci sarà una prossima volta – ne scriverà in modi che saranno avvincenti anche per il resto di noi.

Related posts

Leave a Reply