Subscribe Now
Trending News
Libri

Recensioni libro Ti odio, anzi no ti amo di Sally Thorne 

Avevo tanto bisogno di un libro divertente! Uno che mi rendesse felice e mi preparasse per la lista di letture “duri” che mi ero preparata da sola. Non sto cercando di leggere altro a giugno. Sì, includono anche storie tematiche, ma non è una priorità o una regola. Leggo secondo le mie condizioni. Qual è la mia colpa se il Covid mi spinge a leggere thriller dopo thriller?

“Ti odio, anzi no ti amo” è esattamente il tipo di libro che paragono a un regalo con la carta più brillante e l’arco più pomposo per distrarre da contenuti che possono essere estremamente … privi di ispirazione. Divertente? Non. Non ho riso per niente. L’ho trovato davvero fastidioso.


Ti odio, anzi no ti amo di Sally Thorne Recensioni libro


Dalla prima riga mi è stato chiaro che non è un gioco di odio (The hating game è il titolo originale) o di antipatia. Era solo una frustrazione nata dall’attrazione sessuale che nessuno è pronto ad ammettere. Lui è un duro, lei una carina e finta mignon. Lucinda non mi piaceva per niente. Mi sembrava falsa il novanta per cento delle volte. Per non parlare di quanto mi sembrava infantile il suo comportamento. È stato meno evidenziato nella prima parte del romanzo.

Ti odio,anzi no ti amo recensioni libro

Lucinda e Giosuè. Due persone altrettanto diverse e pronte a distinguersi. Le loro aziende erano a un passo dalla fossa. Sebbene lavorassero nello stesso campo, le aziende erano diverse come lo erano i nostri protagonisti. Gamins Publishing ha dato grande valore ai libri che stampava e ai suoi dipendenti.

All’interno di questa compagnia c’era un’atmosfera tranquilla, quasi bohémien. A Bexley, tutto era il contrario. Dipendenti sobri, attenzione al profitto e ai numeri. Dopo la fusione delle società, c’è ancora una lotta per la supremazia nata dalla convinzione che tutti sapessero cosa fosse meglio per un’azienda di successo.


Ovviamente Lucinda e Joshua non si sopportano. Il titolo dice tutto (“per farla breve”), non c’era bisogno di scenari aggiuntivi. Non sentivo affatto il gioco del ping-pong. Tu non rispondi, non so come, non hai odio viscerale, non hai scherzi o bastoni nella ruota. Non sono cattiva, non è quello che voglio vedere intorno a me. Ma nel libro mi aspettavo un gioco di odio. Volevo vedere come piange, come trasforma il suo amore. Volevo leggere pagina dopo pagina.

Non ci sono state osservazioni taglienti, nessun odio viscerale, nessuno scherzo. Non sono cattiva, non è quello che voglio vedere intorno a me. Ma nel libro mi aspettavo un gioco di odio. Volevo vedere come piange, come trasforma il suo amore. Volevo leggere pagina dopo pagina.


La storia d’amore tra loro non mi ha convinto. Non dall’inizio. Dopo alcune pagine di “odio”, poc! Amore e gelosia. Dai! Se avessi voluto un libro d’amore, una storia che sciogliesse ogni angolo della mia anima, avrei saputo scegliere qualcos’altro.

Non sto dicendo che sia il peggior libro, ma il titolo non ha nulla a che fare con il resto della storia. I protagonisti non mi hanno convinto. Immaturi affettivi (a prescindere dal fatto che venga messo in discussione un suo trauma nato dalla mancata accettazione della sua carriera da parte del padre che desiderava una continuazione della tradizione di famiglia).

Recesnioni libro di Sally Thorne

Lucinda non mi piaceva e solo verso la fine ho cominciato a cambiare un po’ idea. La ragazza che teneva conto dei problemi di ogni dipendente, quella che voleva piacere a tutti, quella che sembrava dolce come le fragole allevate dai suoi genitori, questa simpatica ShortCake per poter fare alcune cose che metterei nello stesso equilibrio con l’insensibilità?  Non vorrai più stare in ufficio davanti a lui e poi cercarlo nel frigo, nei cassetti e negli armadi MENTRE LUI È DAVANTI A TE!!!! I personaggi sono goffi, non scolpiti e immaturi.


Joshua ha alcuni punti più, anche se un ragazzo che ha mostrato un tale autocontrollo avrebbe potuto almeno provare a parlare con suo padre. Capivo la sua posizione, non del tutto, ma mi aspettavo di più. Avevo quasi paura che si trasformasse in uno psicopatico quando Lucinda disse che indossava le sue poche camicie in un ordine esatto, indisturbata da nulla. Eh, questa immaginazione!


Il libro non era quello che pensavo sarebbe stato. Non ho dubbi che ci siano persone che potrebbero amarla più di me. La chimica non funziona allo stesso modo per tutti e non sarebbe bello se tutto fosse solo latte e miele.

Ho finito il libro, alla fine mi è sembrato ok, adatto per una lettura sciropposa buona solo per una giornata nei tempi di Covid. Ciò che ha impedito “l’amore” è il fatto che avrei visto diversamente la prima parte, l’incontro tra loro, il loro corso. Avrei preferito un passaggio più fluido e costruito con maggiore attenzione.

Vi auguro una buona lettura!

Related posts

Leave a Reply